salta la barra Comune di Carmignano  Informazioni turistiche  Feste e tradizioni  Processioni e rievocazioni storiche

Carmignano nel cuore della Toscana
Sposarsi a Carmignano
Feste e tradizioni

Processioni e rievocazioni storiche


Festa grossa | Bacchereto - maggio

Festa grossa Bacchereto
Festa grossa Bacchereto
La Festa Grossa è un grande manifestazione della durata di nove giorni che si svolge con cadenza quinquennale nel nostro paese, nel mese di maggio.
Il lavoro organizzativo è una cosa molto lenta e complessa e tanti sono gli aspetti da considerare, primo fra tutti il reperimento dei fondi per la buona riuscita della manifestazione.
Il 'Comitato Festa Grossa' si occupa proprio di tutto il lavoro organizzativo dell'evento: dal reperimento dei fondi agli aspetti folcloristicii, che fanno da cornice alla festa, all’allestimento del carro dove viene posta la statua della Madonna che sfilerà in processione per le vie del paese.

Il Comitato festa grossa ha radici molto antiche e nasce per la volontà di organizzare la cosiddetta Festa grossa, la festa in onore della Madonna della Pietà di Bacchereto, attiva fin dal 1920.

Il Comitato è formato da 14 parrocchiani più il parroco e rimane in carica per cinque anni fino alla fine della festa, quindi si rinnova.


Processione Gesù morto | Comeana - venerdì santo

Processione Comeana
Processione Comeana
La processione di Gesù morto Redentore di Comeana frazione di Carmignano è una rievocazione storico-religiosa che va oltre la classica via Crucis, recitata per le vie del paese; una tradizione che risale al Medioevo, quando per spiegare al popolo la vita di Cristo o dei Santi valeva più un’immagine di mille parole. Non si sa di preciso quando la festa sia nata, le sue origini sono comunque dovute probabilmente alla Confraternita del Santissimo Sacramento, che fu fondata nel 1599.
Ogni tre anni, centinaia di persone tornano in piazza e raccontano a loro modo, tre giorni prima di Pasqua, le ultime ore di Gesù.

Ad organizzare questa grande rievocazione storica e religiosa è un comitato spontaneo di cittadini, che si riunisce nei mesi che precedono la festa. Tutta l’organizzazione si regge sul volontariato: il corteo alla fine è lungo un chilometro e mezzo. C’è chi pensa alla regia, perché oltre a pensare alle scene è necessario disporre e coordinare oltre 400 persone e sessanta cavalieri per strada, c’è chi cuce i costumi o lavora a sistemare quelli vecchi.

La sera del venerdì Santo, la rievocazione inizia in piazza Cesare Battisti a Comeana con un processo, quello che nel sinedrio duemila anni fa vide protagonista in Palestina Gesù Cristo, e si chiude con la crocifissione tra lampi e tuoni ricreati ad arte, nel mezzo una processione di sei chilometri per le vie del paese: sfilano con Gesù Pilato, il presidente del Sinedrio Caifa, Giuda, Longino e Crocifero e poi le donne palestinesi e le dame patrizie, i legionari e sul finire il carro della Madonna.

Insomma una grande festa, una manifestazione tra fede e spettacolo, molto ricercata e curata in ogni sua parte dall’aspetto storico, ai costumi.



Comune di Carmignano - telefono 055 875011